I doveri di UniFe e del rettore Zauli, scienziato

Giorgio Zauli (foto dal sito UniFE)

Background

Quando nell’aprile 2019 chiamai al telefono il rettore dell’Università di Ferrara, Giorgio Zauli, per conoscere da lui – unico a poterlo svelare – l’esito dell’indagine della Commissione Etica di UniFe nei suoi confronti, mi liquidò con un netto “non ho tempo da perdere”, chiudendo poi la comunicazione. A tre mesi di distanza, piccato dall’azione di quel gran ficcanaso del prof Lucio Picci, docente a UniBo, ha rivelato, con uno scritto terribile (in cui cita male niente di meno che Joseph Goebbels*) che

“Dopo oltre sei mesi di approfondimenti la Commissione Etica ha archiviato il caso non essendo emersi a mio carico né elementi dolosi né di colpa grave”

Me ne congratulo personalmente, lo sapeva solo da gennaio e come lui gli organi interni a UniFe:

Dell’esito dei lavori della Commissione Etica sono stati puntualmente informati il Senato Accademico ed il Consiglio di Amministrazione nel mese di gennaio 2019.

Chissà che fatica gli sarebbe costata dirmelo direttamente quel giorno d’aprile, dopo avermi bypassato per lungo tempo (il suo ex portavoce, Andrea Maggi, forse ricorderà le mie chiamate con cadenza quasi settimanale e come mi rimbalzava spiegandomi che il rettore – nel frattempo disponibile per varie interviste su altri temi – era molto impegnato. Non ce l’ho con Maggi, faceva il suo lavoro [?]).

Chissà per quale motivo, dopo avergli chiesto pubblicamente un atto di trasparenza, ha deciso d’ignorare completamente il mio invito (a parte il fatto che sono un signor nessuno che non conta un tubo, s’intende, ma insomma, scrivo per un quotidiano che nella ‘sua’ Ferrara un peso lo ha, eccome).

Stando a quanto scrive, il motivo andrebbe ricercato nel fatto che

 l’Università non è in alcun modo obbligata a rendere pubblicamente conto agli organi di stampa dello svolgimento e/o degli esiti dei procedimenti interni o esterni condotti nei confronti di qualsiasi membro della comunità accademica.

Il che, per carità, sarà anche formalmente vero.

Ma Zauli, volontariamente o meno, non considera una cosa: è stato accusato di aver pubblicato delle ricerche scientifiche contenenti dati e immagini manipolate. Non è un fatto esclusivamente interno all’Università di Ferrara: non è stato accusato di aver adottato pratiche amministrative discriminatorie, è stato accusato di aver pubblicato (dunque reso pubbliche, per tutti e non per la sola UniFe) delle ricerche scientifiche problematiche dal punto di vista dell’integrità dei dati. La ricerca scientifica è per sua stessa essenza pubblica. Il ricorso alla Commissione Etica, peraltro e come da lui stesso ammesso, non è una sua iniziativa diretta ma è la sua risposta al ricorso presentato per primo da Leonid Schneider (giornalista e blogger tedesco che per primo ha rilevato le tante segnalazioni apparse su PubPeer) e respinto perché privo di legittimazione ad agire essendo esterno all’Ateneo. La stessa Commissione Etica ha affermato di aver preso in considerazione il caso partendo dalle istanze difensive del rettore e considerandole come autonoma richiesta di valutazione. Una risposta che è arrivata dopo che sia Sylvie Coyaud che io su Estense.com (e in misura minore anche la Nuova Ferrara, che poi ha abbandonato) abbiamo ripreso la questione a livello nazionale e locale, per lungo tempo inascoltati

Lo stimolo è esterno, non interno. E la richiesta del rettore nasce per rispondere ad esso.

La risposta odierna di Zauli non permette di capire se quelle ricerche – pur senza il concorso di un suo dolo o di una sua colpa grave – siano o meno inficiate nella loro validità. Perché la domanda che da (ex?) giurista mi pongo è: se l’esito della valutazione della commissione è che non sono stati ritenuti presenti dolo o colpa grave in Zauli, c’è una qualche condotta sbagliata in quelle ricerche? C’è una colpa comunque, seppure non grave? Chi riguarda? Altri membri dei team di ricerca? C’è davvero una ‘manipolazione’ – per quanto involontaria o non controllabile da Zauli – dei dati e delle immagini?  È necessario saperlo, perché sono ricerche finanziate probabilmente con denaro pubblico o raccolto tra il pubblico, svolte all’interno di Università e laboratori di ricerca pubblici.

Sapere se sono da considerarsi difettose è interesse pubblico e per questo il rettore o gli altri organi accademici di UniFe che sono a conoscenza della situazione avrebbero l’obbligo morale ed etico (anche se il richiamo agli obblighi etici non sembra essere molto gradito a Zauli in un strano accostamento con la minaccia di stato etico dal quale lui rifugge, come il sottoscritto) di renderlo noto e non per puntare per forza il dito contro qualcuno, ma per preservare la qualità e la credibilità della ricerca accademica e scientifica, in un campo così sensibile come è la ricerca biomedica, che ha a che fare con la salute e la vita umana.

Conoscere l’esito completo e il percorso decisionale adottato dalla Commissione Etica permetterebbe di capire se quelle ricerche hanno ancora un valore e quale sia, permetterebbe alle riviste scientifiche che le hanno pubblicate di valutare, eventualmente, una ritrattazione o chiedere delle correzioni. Permetterebbe, insomma, al processo scientifico di compiere appieno il suo corso, di azionare i meccanismi di autocorrezione che lo hanno reso così efficace nella storia del pensiero e dell’azione umana e che non si esauriscono nella revisione tra pari, ma continuano, come è naturale che sia, anche dopo la pubblicazione.

Essere completamente trasparente in questa vicenda forse non è un dovere che gli compete in quanto rettore, gli compete però in quanto scienziato.

 

 

*pure io mi ci sono messo a sbagliare, grazie a chi mi ha segnalato l’assenza di una “e”

Annunci

Appunti per cambiare il nostro modo di raccontare gli Ogm

 

Negli ultimi giorni è stato pubblicato uno studio dell’Università di Pisa che ha “assolto” le coltivazioni di mais Ogm per quanto riguarda i loro (molto, molto, molto) presunti rischi sanitari, evidenziando che anzi, comportando una riduzione delle pericolose micotossine, risulta anche più sicuro. Si tratta di una metanalisi condotta sulle migliori ricerche effettuate negli ultimi 21 anni, ovvero da quando il mais Ogm è entrato in commercio e ha iniziato ad esser coltivato e venduto.

Ne hanno scritto in tanti, non mi dilungo oltre. Nel frattempo si è riaperto il dibattito pubblico, con i soliti due schieramenti: chi insiste che sia ora che anche l’Italia apra le porte (quelle dei campi soprattutto) agli Ogm e chi, di contro, ribadisce che mai e poi mai l’agricoltura italiana produrrà la farina del Diavolo. È un dibattito sterile, il solito da 20 anni o più, la cui conclusione è già arrivata: ha vinto il divieto.

Riaprilo sulle stesse basi di prima – bianchi contro neri, favorevoli contro contrari, scientisti contro antiscientisti, biotech contro bio e basta – è una inutile perdita di tempo. Non farà cambiare idea a nessuno: chi da 20 anni è convinto che gli Ogm siano il male rimarrà convinto di ciò; chi da 20 anni cerca di dire in tutti i modi che sono vantaggiosi, più sicuri, benefici per l’ambiente e perfino salvifici continuerà a farlo ed entrambi gli schieramenti continueranno a rinfacciarsi i reciproci fallimenti (“ah, guarda quanto mais pieno di micotossine dovete buttare, tutt’altra cosa se solo fosse stato ogm!” o “ah guarda, si sono sviluppate le resistenze, non rende più del mio mais bio”).

A meno che non piaccia così tanto la rissa o il confronto urlato (ma c’è sempre uno Sgarbi o un Cacciari in tv per divertirsi), chi davvero ha intenzione di continuare a perorare la causa a favore degli Ogm è bene, forse, che faccia un passo indietro e inizi a raccontarli in un altro modo. Non alimentando lo scontro tra tifoserie opposte brandendo la mazza della scienza contro i bifolchi ignoranti. Non insistendo nel voler convertire i convertiti, ma agendo a beneficio di quelli che non ne hanno un’idea, che vorrebbero sapere, ché probabilmente sono tanti anche se seguono il vento e che rischiano di rimanere incastrati in una delle due narrative, accettando l’una o l’altra in maniera passiva, acritica, perché la raccontano persone o enti o istituzioni che sembrano affidabili o, semplicemente, più presenti sul piano comunicativo (ogni riferimento a Coldiretti non è puramente casuale). In nessun caso sarebbe un risultato a cui puntare: da una parte, ovvio, vi sarebbe il dissenso; dall’altra la totale incomprensione in una materia, l’agricoltura, che per lo più è raccontata come un mondo da fiaba a cui si aggiungerebbe solamente un altro magico personaggio.

Dato che l’agricoltura non è affatto una fiaba ma sotto molteplici aspetti è una sfida continua, un mondo sempre in bilico, soggetto a una quantità innumerevole di variabili, alcune di esse difficilmente controllabili, iniziamo a raccontarla non nascondendo la sua complessità. Ed è in questa complessità che va inserito il discorso Ogm. Non nella riduzione all’inutile e sbagliata domanda “siete favorevoli o contrari agli Ogm?” ma, anzi, combattendo questa ipersemplificazione della questione, rifiutando di ridurre la risposta a un secco “sì” o “no”, facendo emergere un racconto che sia in grado di dare conto di come, quando, dove e perché gli Ogm possono rappresentare un’alternativa migliore a tutto il resto, senza attribuirgli proprietà che non hanno – come la cancellazione della fame nel mondo, grande mantra del passato -, presentandoli non come una chiave universale, ma come un’attrezzo in più che a determinate condizioni – caratteristiche del terreno, fauna e microfauna, clima, dimensione della produzione ecc ecc – è in grado di aiutarci a far bene e meglio una delle attività umane più importanti per la nostra sopravvivenza da quando siamo diventati animali stanziali.

E i primi a cui rivolgersi dovrebbero essere gli agricoltori, ovvero i soggetti che ogni giorno combattono per sopravvivere e far sopravvivere i loro campi, possibilmente nella maniera più produttiva possibile, lavorando la terra, seminando, curando le piante, sperimentando nuovi approcci e varietà e sperando in un raccolto migliore dell’anno passato. Andrebbe insegnato anche a loro a vedersi e raccontarsi in un modo diverso, meno bucolico, più di persone che si spaccano le mani e spendono soldi per produrre quella roba che poi finisce nei nostri piatti, con le caratteristiche di simil perfezione che oggi noi consumatori chiediamo. Perché se oggi dominano le ‘campagne amiche’, è perché domina l’idea di un’agricoltura spicciola, familiare, da mercatino rionale. Bella, romantica ma che non è quella che fa girare il mondo dell’agroalimentare. Se davvero vogliamo seriamente riaprire le porte del dibattito sugli Ogm con l’obiettivo di farli finalmente entrare, i primi da prendere in consegna con una comunicazione mirata, con la formazione e l’informazione sono gli agricoltori stessi. Sono loro che devono tastare con mano che, in fondo, gli Ogm non rappresentano il male, non sono una sconfitta, una minaccia, ma una possibile soluzione ad alcuni problemi e come tale da prendere in considerazione in maniera laica, soppesando la loro utilità nello stesso modo in cui si soppesano altre colture migliorate per altre vie più “tradizionali”. Sono loro che devono arrivare a dire “vogliamo la possibilità di usare i frutti di questa tecnologia a nostro vantaggio e a vantaggio di tutti”. Se questo passaggio non viene fatto con gli agricoltori per primi, se non sono convinti loro per primi, nessuna politica rivedrà mai le proprie posizioni, perché mancherà la spinta verso l’auspicato cambiamento e questo la sappiamo perché oggi subiamo gli effetti della costante spinta contraria.

In poche parole la proposta è questa: prendiamoci del tempo e ripartiamo (quasi) da zero con la comunicazione sugli Ogm e sull’agricoltura.

Conoscere per ridurre (il rischio sismico)

cracks-1287495_640

C’è una cosa carina che riguarda la prevenzione sismica a Ferrara questa domenica (16 ottobre), organizzata dal Master in giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza* con l’Ingv e il Comune. Ve ne parlo per pubblicizzarla e perché è parte di un percorso che ritengo dovrebbe trovare maggiore spazio a livello istituzionale e culturale, divenire modello.

Ferrara e la sua provincia sono state profondamente ferite dai due grandi eventi sismici del 2012. In quell’estate ci si è risvegliati – in senso letterale – con la consapevolezza che anche quel territorio di pianura è a rischio sismico.

Al di là delle incredibili polemiche su un sisma del tutto naturale causato da un sito di stoccaggio gas inesistente – Cavone, do you remember? – e da quella cosa politico-farsesca che fu l’ideazione della Commissione ICHESE (che, con quelle sue strane conclusioni, ha alimentato, anziché spegnerla, la scintilla del retropensiero) la reazione è stata quella dell’Emilia operaia, del rimboccarsi le maniche, della ricostruzione.

Proprio narrativa della ricostruzione – ne ho scritto già qualche tempo fa – è diventata quasi l’unica chiave di lettura della fase post-sisma. Perché è importante, perché significa, si spera almeno, maggiore sicurezza strutturale degli edifici e, soprattutto, rinascita.

Il problema – o, almeno, questa è la mia impressione – è che il grande peso dato alla ricostruzione e alla prevenzione sismica, intesa come miglioramento strutturale degli edifici pubblici, ha quasi del tutto assorbito tutto il discorso più grande sulla prevenzione sismica tout court.

È rimasto molto indietro una fase che considero invece fondamentale: quella dell'”educazione” alla prevenzione e al rischio. Ed è questo di cui si occupa l’iniziativa che voglio segnalare.

Si chiama PlayDecide, è un gioco che coinvolge i cittadini che interpretano un ruolo (il sindaco, l’esperto, il semplice cittadino) e si cerca insieme di prendere le decisioni migliori per mitigare il rischio sismico. È un modo, divertente, non solo per conoscere ma anche per prendere coscienza del rischio ed essere in grado di attivarsi socialmente nella vita reale e spingere se stessi, gli altri e gli amministratori pubblici verso buone pratiche di prevenzione. Questo video lo spiega meglio:

È solo un primo step. C’è infatti un progetto di più ampio respiro sotto in parte nuovo, in parte già iniziato qualche anno fa con l’elaborazione partecipata di 10 cose da fare per rendere più sicure le nostre case.

Con questa iniziativa prende infatti il via a Ferrara KnowRISK, un progetto finanziato dalla Commissione Europea, a cui partecipa anche l’INGV. Il progetto è stato attivato a Ferrara dal Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza in collaborazione con il Comune, e ha l’obiettivo individuare strategie efficaci e sostenibili per la riduzione del rischio, ponendo l’accento sulle misure per diminuire la vulnerabilità non-strutturale delle abitazioni.

Questo sul principio che non sono solo le scosse a provocare morti e feriti (mi verrebbe da dire che scosse come quelle del 2012 non dovrebbero proprio avere alcun effetto disastroso), ma anche ciò che ci può cadere addosso nelle nostre case, come librerie, armadi, o semplici oggetti. Solo che non ci badiamo, pur essendone coscienti non ne siamo del tutto consapevoli, forse siamo (oggi) colpevolmente disinteressati.

Ecco perché è importante formare questa consapevolezza, costruendola in modo partecipato con strumenti e strategie che non siano un semplice libricino di consigli, ma che permettano il confronto, l’emersione dei dubbi e la risoluzione facendo sentire i partecipanti coinvolti in questo piccolo processo decisionale.

Non è La Soluzione, ma un piccolo step tra i tanti che vanno fatti per elaborare collettivamente e singolarmente una nuova cultura del rischio e della sua riduzione, della responsabilizzazione di cui oggi abbiamo bisogno per non ricadere sempre negli stessi errori e riascoltare a ogni tragedia sempre le stesse frasi, ormai diventante standard.

Insomma, è una di quelle iniziative che dovrebbero girare gran parte dell’Italia in una strategia – oggi quasi del tutto inesistente – tesa a formare una nuova consapevolezza sui terremoti.

*Sono un collaboratore del Master in questione

(la foto è di Brett Hondow, public domain, Pixabay)

Tre cose sul web, i giornali e i moralizzatori

L’ormai noto caso del suicidio di T.C. ci ha mostrato chiaramente due tic preoccupanti. Il primo è quello di addossare le responsabilità a una massa indefinita, il web; il secondo è la comparsa dei ‘moralizzatori’, quelli che espongono al pubblico le oscenità pensate e scritte sul caso da un utente qualunque, purché abbastanza riprovevoli nei contenuti.

Da un lato il web cattivo, che espone, diffonde, prende in giro, insulta, diventa violento; dall’altro quello ‘buono’, che espone, diffonde, prende in giro, insulta, diventa violento ma ricoperto da una glassa di moralità superiore, perché ha come fine quello di mettere alla berlina il cretino di turno.

Provo ad andare per punti.

1. Il web ‘non esiste’. La prima cosa che dovremmo fare, se davvero ci interessa trarre almeno qualcosa di positivo da una vicenda terribilmente triste, è evitare di addossare le colpe a un’entità che non esiste: il web è un’infrastruttura usata da troppe persone differenti e questo non può non limitarci nella tendenza a semplificare, mischiando la parte con il tutto. Serve, in altri termini, un po’ di ecologia del linguaggio: l’uso della metonimia dovrebbe sparire, perché diventa una semplificazione troppo distorsiva.

Questa distorsione si traduce poi in un tic diviso in due rischi: il primo è che nel dibattito pubblico e politico si portino avanti richieste di limiti, blocchi e sanzioni che limitano genericamente e ingiustamente tutti i fruitori, snaturando l’essenza stessa del web; il secondo è che identificando “il web” come l’artefice del male, si costruisca uno schermo sociale alle responsabilità personali, mettendo nello stesso calderone una grande quantità di comportamenti differenti, attribuendo loro lo stesso grado di intollerabilità sociale.

Nel caso di T.C., quando leggiamo “siamo tutti colpevoli”, “gogna del web”, “divorate dal web”, leggiamo l’attribuzione di responsabilità a chiunque, in maniera indefinita e con un’estensione di responsabilità che parte dalla stessa ragazza e dalle sue “colpe” – quando va bene chiamate “leggerezze” -, passa per gli amici orribili che hanno diffuso i video, tocca chi quei video li ha semplicemente guardati (e lì si è fermato, ma avrebbe contribuito in qualche modo alla sua popolarità) e chi ha pensato di dare sfoggio della propria etica superiore, “moralizzando” la ragazza a suon di insulti ma arriva a riguardare tutti, perché il web siamo noi, come se stessimo parlando della bocciofila sotto casa frequentata da cinque amici pensionati.

Questo è inaccettabile e dobbiamo sforzarci per renderlo tale: la vita digitale non è in sé diversa, né è separata da quella ‘reale’. È solo un altra modalità, un’estensione – per quanto per molti versi con meno confini e più libertà – che abbiamo per fare le nostre cose: comunicare, informarci, conoscere, svagarci e anche comportarci male, insultare, commettere crimini. Ma valgono le stesse regole sia giuridiche che più ampiamente sociali. Per le prime abbiamo fin troppe autorità statali competenti (?) per farle rispettare, per le seconde l’autorità, come nella ‘vita reale’, siamo in primis noi stessi, e per questo, come scrive Massimo Mantellini, la strada non può che essere quella di una cultura ed educazione digitale (che è un sottoinsieme specifico della cultura e dell’educazione più ampiamente intesi), tarata su strumenti, tecnologie e possibilità relativamente nuovi.

Se accettiamo questo, siamo in grado di accettare che le colpe non sono del “web”, dei “social network”, dei telefonini che permettono di fare e condividere filmati privati o di qualche altra diavoleria: sono dei singoli (o di gruppi ristretti) che violano le regole, siano essere con forza giuridica o ‘solo’ sociale. È in questo senso che il web non esiste.

2. Ecologia dell’informazione. Il caso di T.C. è l’esempio estremo di un sistema di informazione che non sta funzionando. Se da un lato fa volontariamente e scientemente da cassa di risonanza per la violazione della privacy dei singoli, pubblicando a ogni piè sospinto “scatti rubati”, in genere hot (o supposti tali) o comunque imbarazzanti ai vip, perché generano click; dall’altro è in prima fila quando si tratta di indicare la via della moralità pubblica quando l’eccesso si trasforma in tragedia.

Il caso di T.C. è emblematico: la sua vita è stata esposta non solo dalla diffusione ‘dal basso’, spontanea, di quei video, ma anche e soprattutto dall’interessamento dei media tradizionali. Il Fatto Quotidiano (ma non è l’unico) nel 2015 scrisse un articolo assurdo su T.C., con tanto di nome e cognome completo, foto, descrizione delle performance sessuali e, soprattutto, condendolo con congetture sulla nascita di una nuova stellina del porno. Questo ha dato una spinta sicuramente elevatissima alla diffusione di quei video e dei comportamenti distorti nei confronti della ragazza. Quando T.C. si è suicidata, gli stessi media tradizionali hanno poi fatto a gara nell’indicare le colpe del web guardone, intollerante e senza cuore, corredando al contempo gli articoli con foto sexy della ragazza (rubate dai suoi profili social) quando non da fotogrammi dei video incriminati.

Ancora una volta è inaccettabile. Rinuncio a disquisire del contrasto (mi verrebbe da dire etico) tra il ruolo dell’informazione e la ‘colonna destra di Repubblica’, ma considero solo un fatto: i video privati di una persona sconosciuta ai più che fa sesso – siano essi diffusi in maniera consenziente o meno – non sono in sé una notizia. Non c’era allora alcuna ragione per parlarne dalle colonne (o dalle pagine web) di un giornale. È, ancora una volta, l’incarnazione – questa volta con conseguenze tragiche – della rinuncia quasi totale dei media tradizionali a fare da filtro critico alle informazioni, assumendo invece il ruolo di raccoglitore di esse, con l’intento di inserirsi all’interno di una linea comunicativa già avviata, nella speranza di trarne benefici economici.

Serve allora un’ecologia dell’informazione: i media tradizionali, se davvero vogliono sopravvivere, devono sforzarsi di fare quantità con la qualità, concedendo alle informazioni irrilevanti e alle non-notizie lo spazio che si meritano, quello dentro al cestino [il discorso è ovviamente molto più complesso, ma non lo approfondirò qui].

3. La seconda faccia della medaglia. Una volta scoppiato il caso, dopo il suicidio, si è fatto vivo il secondo tic: la comparsa dei moralizzatori del web, quelli che si indignano per la cattiveria altrui, prendono l’idiota di turno come capro espiatorio tra altre centinaia di persone che hanno scritto cose magari anche peggiori, e lo espongono alla propria gogna pubblica. Questa volta il nome lo faccio, solo perché è un personaggio pubblico: Selvaggia Lucarelli.

Quel che ha fatto – prendere un orripilante post su Facebook scritto da uno sconosciuto in cui T.C. e ‘quelle come lei’, venivano insultate, gioendo per il suo suicidio  – si chiama legge del taglione: sei un coglione che scrive scemenze su una tragedia? Occhio per occhio, adesso ti metto nella stessa situazione di T.C., esposto al pubblico ludibrio, esposto agli insulti, alla cattiveria. Ma con l’autorità del tribunale morale, perché è ovvio che alla grande maggioranza degli utenti quel che hai scritto fa ribrezzo (altro esempio indiretto per capire che il web non esiste), solo che questa volta le cattiverie, gli insulti, gli inviti a togliersi la vita, sono meritati.

D’altronde quando pensiamo che il nostro senso morale sia così superiore a quello altrui da darci l’autorità di sbertucciarlo in pubblico, con tanto di nome e cognome di proposito in bella vista, è chiaro che il giochino non può che andare a puttane. È lo stesso schema, quel povero cretino e chi ha insultato T.C. quando era ancora in vita, avevano la stessa idea di Selvaggia Lucarelli e di chi poi gli ha riempito la bacheca Facebook di insulti: la mia moralità è superiore, condanno la tua ed eseguo la sentenza, con tanto di boia accorsi in massa.

Non si può condannare il massacro innescandone un altro, anche se il bersaglio è stato palesemente una testa di cazzo. Non c’è nessuna moralizzazione dei comportamenti in tutto questo, è solo una barbarie nei rapporti digitali che si aggiunge alle altre.

Se non iniziamo a spostare i termini e i toni del dibattito, alla fine rimarranno solo le macerie, poi si riprenderà come prima, fino alla prossima volta.

Forse siamo stati un po’ stronzi

shoes-1638873_640Quando è stata grande la nostra impronta sul pianeta Terra negli ultimi vent’anni? Troppo, quasi il 10% dei territori selvaggi.

Dal 1993 al 2013 abbiamo “calpestato” un decimo delle “aree incontaminate” – quelle che, banalizzando, l’animale uomo ha lasciato in pace -, abbattendole o modificandole per adattarle alle nostre temporanee esigenze, dalla deforestazione per la trasformazione dei territori in terreni agricoli, all’avvio di attività estrattive di idrocarburi per produrre l’energia che ci serve per fare le cose che quotidianamente facciamo o di cui usufruiamo.

È un problema gigantesco: da un lato perché quelle aree costituiscono i polmoni del nostro pianeta e il freno principale ai probabili disastri prodotti dal riscaldamento globale (sempre roba nostra, ovviamente); dall’altro perché in quegli ecosistemi si trova un’alta percentuale di biodiversità, quella cosa che ci sta tanto a cuore quando parliamo di agricoltura, ma che tendiamo a sottovalutare quando guardiamo il quadro grande e che stiamo costantemente mettendo a rischio (non pensate al panda, pensate proprio a una sterminata schiera di esseri viventi a cui modifichiamo irrimediabilmente e velocemente o cancelliamo l’habitat naturale).

Ma è un problema gigantesco anche per altri motivi: siamo in tanti sul pianeta, forse troppi, e tutti organizzati in modo molto diverso, con sensibilità ai problemi ambientali molto differenziate, esigenze di crescita sociale diverse, dove spesso la conquista di un maggiore livello di benessere ha come tornaconto l’erosione del patrimonio naturale del pianeta. E qui, forse risiede il problema dei problemi: mediare le aspirazioni di crescita di grandi popolazioni umane con l’esigenza – anzi, l’urgenza – di salvare vaste ma sempre più ridotte porzione di natura incontaminata per il bene di tutti. Noi occidentali siamo stati – e siamo tutt’ora, magari in maniera indiretta – pionieri nello sfruttamento indiscriminato dei territori selvaggi e ora che vorremmo essere pionieri dell’inversione di rotta facciamo un’immane fatica a convincere gli altri, vuoi per le loro aspirazioni, vuoi perché continuiamo ad essere estremamente ambigui nelle politiche di protezione e preservazione che adottiamo.

Rimane il fatto che in soli vent’anni ci siamo mangiati una fetta di torta troppo grande e siamo ancora a rischio indigestione.

Parafrasando il Veltroni di Corrado Guzzanti, forse siamo stati un po’ stronzi.

Ovviamente ho banalizzato alla grande tutti i concetti e le informazioni, per avere un quadro vi rimando alle fonti primarie (in inglese):

Il report uscito sulla rivista scientifica Current Biology: “Catastrophic Declines in Wilderness Areas Undermine Global Environment Targets”.

L’articolo di Elizabeth Pennisi su Science: “We’ve destroyed one-tenth of Earth’s wilderness in just 2 decades”

Noi e il terremoto. Sempre le stesse cose

cracks-1287495_640L’ennesimo terremoto distruttivo in Italia, l’ennesima sequenza sismica in un’area in cui la probabilità che si verifichi è altissima, i morti, i feriti, le accuse immancabili, la disperazione e sempre le stesse parole come corollario: manca la prevenzione, in Italia non si costruisce bene, ci si muove solo a danno fatto, il Giappone…

È tutto vero.

Ed è frustrante che ogni pochi anni ci ritroviamo tutti a dire le stesse cose, pur piangendo luoghi e persone diversi. È frustrante dover sempre leggere, ascoltare e ripetere sempre le stesse verità, che sembrano essere immutabili, parte del nostro DNA.

Ed è proprio qui, forse, il problema principale, il nostro DNA culturale: se l’ex presidente dell’Ingv Enzo Boschi ammonisce dopo l’ennesima tragedia che in Italia si costruisce bene solo dopo i sismi gravi – e ha ragione da vendere – quello che dobbiamo metterci in testa noi, tutti noi, è che prima di costruire bene dobbiamo fare un passo preliminare. Diventare veramente coscienti del fatto che viviamo sopra la terra e che quando ha voglia di ballare – e può farlo in maniera davvero sgraziata – non siamo invitati ma costretti a danzare con lei. Per questo dobbiamo imparare come si fa a non farci pestare i piedi e cadere con il culo per terra, ascoltando e mettendo in pratica gli insegnamenti di chi sa cosa fare e come farlo.

Significa imparare a convivere con il rischio, a non rimandarlo, a non guardare troppo al di là delle proprie responsabilità personali. Perché quando la terra trema, danziamo tutti e tutti siamo responsabili delle sue conseguenze. Significa considerarci – noi, uno per uno – responsabili di quel che potrà accadere e agire di conseguenza (adeguare le nostre case senza aspettare, proporre un nuovo mercato in questo senso, educare i nostri figli e insegnare loro regole di comportamento che dobbiamo imparare a padroneggiare noi per primi) . E così responsabilizzare anche la politica e le istituzioni, chiedendo o pretendendo che la prevenzione – l’educazione al rischio prima ancora della sua riduzione reale – faccia parte dell’agenda politica di chiunque decidiamo di mandare nella stanza dei bottoni.

Solo allora cambieranno le parole che oggi conosciamo a memoria, solo allora il valzer delle responsabilità sarà davvero un ballo per pochi. Solo allora avremo meno lacrime a solcare la polvere sui nostri visi e più sospiri di sollievo quando tutto sarà passato.

Abbaiare alla luna

damnyouCi risiamo. Due anni fa, più o meno di questi tempi, scrivevo un post intitolato “Due bufale ‘scientifiche’?” dopo aver preso in mano l’annuario Scienza Tecnologia e Società di Observa.

C’era scritto che gli italiani alla fine non sono così ignoranti nei test di ‘cultura scientifica’ come spesso li vediamo dipinti (e come spesso li abbiamo dipinti  e continuiamo a farlo noi che proviamo a comunicare la scienza), ma che i problemi risiedono nella “fragilità di una cultura della scienza e della tecnologia nella società: di una cultura che sappia discutere e valutare i diversi sviluppi e le diverse implicazioni della scienza e della tecnologia evitando le opposto scorciatoie della chiusura pregiudiziale e dell’aspettativa miracolistica”.

Ecco, quest’anno Observa ha pubblicato online un infografica ancora più esplicativa: in 10 anni il grado minimo di conoscenze è cresciuto parecchio, toccando vette mai raggiunte prima. Non siamo un popolo di ‘scienziati’, certo, ma neppure di idioti.

E così – mentre sbattiamo la testa e tra un “popolo di ignoranti” e un’invettiva contro l’analfabetismo scientifico – il problema va forse cercato da un’altra parte, dove le cose sono persino un po’ più difficili. In termini molto generali:

Da un lato la capacità di comprendere la scienza – al di là di alcune nozioni apprese da qualche parte – come ‘pensiero’, ovvero come struttura di ragionamenti, pratiche e regole per cercare di spiegare al meglio la realtà che ci circonda (banalizzando: scienza ‘pura’) e andare un po’ più in là quando si tratta di piegare quella realtà alle nostre esigenze (banalizzando di nuovo: tecnologia).

Dall’altro la capacità del mondo scientifico di capire che ogni pezzetto di conoscenza che costruisce ha implicazioni più o meno grandi nella vita ‘di tutti i giorni’ delle singole persone. E non basta dire ‘questa cosa vi migliorerà la vita’ per farla accettare, perché si inserisce in un contesto complesso, fatto da singoli individui con le loro convinzioni formate nel corso del tempo (e in base a fattori sempre diversi) e società più o meno strutturate che si portano dietro un altro bagaglio di conoscenze, esperienze, cultura e tradizioni con cui dialogare.

Insomma, se un da un lato si preme per far capire, accettare e condividere la complessità dei processi scientifici, dall’altro non si può ignorare che quella complessità va poi adagiata sopra le complessità sociali, dove fare appello alla “razionalità” per distinguere il grado di apertura o chiusura di soggetti, comunità o pubblici differenti non è un buon metro di misura, non se diventa il punto di discrimine tra ‘buoni’ e ‘cattivi’.