Covid-19, si fa presto a dire scienza (e giornalismo)

Tra i danni causati dalla Covid-19 ce ne sono due importanti per i loro effetti a lungo termine: aver messo definitivamente a nudo l‘inadeguatezza di una fetta consistente degli ‘esperti’ italiani e aver confermato l’inadeguatezza del sistema mediatico-giornalistico, sempre più megafono e sempre meno pubblico servizio.

Il fine settimana del 14 e 15 novembre è stato memorabile, con una bella tripletta.

Il primo gol è anche quello più clamoroso. È lo studio che l’Istituto nazionale dei tumori si è auto-pubblicato su Tumori Journal e che dice – in soldoni – che Sars-Cov-2 si stava prendendo la tintarella in Italia  già dall’estate 2019. I giornali ci sono andati a nozze, soprattutto La Repubblica.

Una scoperta simile, se confermata, sarebbe una piccola rivoluzione, visto che finora abbiamo pensato che la sua circolazione sia iniziata nell’inverno del 2019 a partire dalla Cina. Ma, come si dice, affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie. Qui non ci sono, anzi, ci sono un gran numero di punti dubbi.

Il primo dei quali è: perché uno studio del genere viene pubblicato su una rivista di poca importanza  (con tutto il rispetto) e che parla di tumori? Magari per comodità, la scienza – in linea teorica – è scienza anche se scritta su qualsiasi tipo di carta o di sito web. Però al giorno d’oggi il ‘dove’ è un fattore molto indicativo della qualità della produzione scientifica.

Altro punto dubbio: i tempi. Come rileva su Twitter il ricercatore della Fondazione Isi Michele Tizzoni, sembra che la ricerca non sia stata sottoposta alla revisione tra pari, la peer review, prima della pubblicazione.

Ancora: ci sono importanti problemi di metodo, che ovviamente non posso contestare io, ma che invece evidenzia Enrico Bucci.

Insomma, questa grande e straordinaria scoperta non sembra basata su prove straordinariamente solide e d’indizi di ciò ce ne sono parecchi.

Eppure si è guadagnata i titoloni dei giornali, con La Repubblica che si è data molto da fare lanciando un articolo molto enfatico, aggiornato solo ore dopo nel titolo (il classico «Ma gli scienziati sono divisi») e nel corpo per dare conto dei numerosi limiti della ricerca e dell’opinione critica di Massimo Galli.

La sensazione è che siamo davanti a una delle tante ricerche inconsistenti che in questi mesi hanno visto la luce e che gli si sia data una dignità enorme sia per il fattore nazionalistico – è una ricerca italiana – sia per l’autorità intrinseca dell’Istituto tumori. È il sintomo invece di una pericolosa strada che sta prendendo la ricerca scientifica biomedica già da tempo e che in questa fase emergenziale globale sta diventando ancora più ripida, con il giornalismo mal fatto che pompa tutto con gli steroidi della pubblicità massima. Male.

Male anche il Corriere della Sera, che insacca il secondo gol ripescando l’«autorità indiscussa», il prof Giorgio Palù, in un articolo del tipo Domande & Risposte. La prima domanda contiene una risposta sorprendente:

Covid Giorgio Palù
«Il contagio non consiste nella trasmissione del virus ma della malattia», chiarisce Giorgio Palù, emerito di virologia all’università di Padova

Nessuno ha avuto da obiettare in redazione, nonostante la risposta alla terza domanda già contenga un’auto-confutazione della bizzarra tesi espressa qualche riga sopra. Un chiarimento vero sarebbe necessario, anche se il prof confermasse la sua dichiarazione, ma non arriverà. Ci sarà invece chi ora sarà convinto di questa cosa, che stranamente si lega a meraviglia con la teoria del 95% di asintomatici, e andrà in giro a raccontarla e dire “oh l’ha detto Palù, autorità indiscussa”.  Male bis.

Il Male, quello vero, è l’autore del terzo gol, qui almeno “la scienza” non c’entra. Dice padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, che «La pandemia di coronavirus è effetto di un complotto mondiale delle élite per conquistare, sotto l’impulso di Satana, il mondo entro il 2021». Volete non dargli un titolone o scriverci un articolo che ne riporta solo le teorie complottistiche, senza contesto, senza confutazioni (Agi e Repubblica, ad esempio), cavandosela, quando va bene, semplicemente facendo notare che Fanzaga non è nuovo a dire scemenze cose che fanno discutere (Corriere)? La questione qui è che proprio sapendo che il padre le spara sempre grosse, i giornali dovrebbero smetterla di fargli da ulteriore megafono, ché a quello ci pensa già da solo con Radio Maria e le sue antenne, a maggior ragione in mezzo a una tragica epidemia condita da infodemia.

Triplice fischio finale. Ma qui servono delle cure da cavallo.

Autore: Daniele Oppo

Laureato in giurisprudenza, Master in giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza, scrivo per Estense.com. In questo spazio mi occupo di scienza e società.

3 pensieri riguardo “Covid-19, si fa presto a dire scienza (e giornalismo)”

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.