Metodi di pensiero D’Orsogneschi

Maria Rita D’Orsogna  è la paladina degli ambientalisti del momento: ha esplicitamente messo in relazione gli eventi sismici emiliani con le trivellazioni petrolifere. E’ un fisico con la passione per i buchi fatti dai petrolieri.

Ha un blog, No all’Italia Petrolizzata , in cui da voce alla sua battaglia che in sé è condivisibile, tranne quando insiste sull’ambiguità: nel suo ultimo post, datato martedì 12 giugno e intitolato Pensieri, ancora una volta gioca sull’ambiguità:

Credo che anche se il terremoto dell’Emilia dovesse essere un fatto del tutto naturale, non e’ saggio aggiungere a cio’ che madre natura ci ha dato altri rischi, altri stuzziacamenti, altre occasioni per danzare.

Per poi dire:

Io credo che occorra seguire l’evidenza scientifica, il principio di precauzione e il semplice buon senso, invece che le balle che ci propinano quelli dell’ENI, Assomineraria e tutte le altre compagnie a cui interessa solo speculare.

Esatto, molto bene, ma il buon senso e l’evidenza scientifica, mostrata dai geologi che conoscono la materia meglio di un fisico che si è improvvisata esperta, è che il terremoto emiliano NON è causato da fracking. Punto. Non c’è nessun “anche se” da tirare fuori, non c’è dubbio che sia stato un fatto naturale, come non c’è alcun dubbio che le battaglie giuste non possono essere combattute con l’arma dell’ambiguità pur di sensibilizzare la popolazione sul tema, perché quello che si ottiene è fare confusione, incutere paura, e muoversi al momento sbagliato per le cose sbagliate.

Il principio che lei  (giustamente) chiede venga seguito dalle compagnie petrolifere, ben espresso così:

Non e’ che i cittadini o le autorita’ devono dimostrare che fracking, trivelle e stoccaggi sono dannosi, sono i petrolieri che devono dimostrare il contrario!

vale anche per lei, perché è una scienziata e sa benissimo che l’onere della prova spetta a chi fa un’affermazione. Se secondo lei il fracking ha causato il terremoto in Emilia lo provi, provi che un terremoto del genere è compatibile con la fratturazione idraulica o con la reiniezione di fluidi nei pozzi. Attenzione però a individuare il giusto contesto, perché non si tratta soltanto di stabilire se in Italia il fracking si pratica o meno, ma di stabilire se questa pratica, una volta appurata, possa ever  causato quel tipo di sisma.  Se riuscirà a dimostrarlo scientificamente sarà una grande cosa, altrimenti la smetta e la finisca di essere ambigua. Se ha dati certi li tiri fuori, se ha delle prove concrete che in Emilia il terremoto (quel terremoto, non quelli in Texas)  non è stato causato da un movimento tettonico le mostri. In tutti gli altri casi le uniche conclusioni buone sono quelle che lei non accetta e poco utili alla sua battaglia -quelle dell’INGV- ma non per questo meno vere.

L’ambiguità, il far intendere, il detto non detto anche davanti a evidenze migliori e molto più forti delle nostre sono il contrario dell’evidenza scientifica, utili per avere un seguito mediatico e per imbambolare molti, ma inutili per una battaglia seria di rinnovamento sia ambientale che sociale.

Annunci

Complottismo autoesplicato

Una piccola appendice al precedente post che spero serva a far capire come NON fare informazione.

Spiace per Gianni Lannes, ma il suo modo di fare il giornalista “alternativo” è di quanto più orribile e disinformante possa esistere: in questo articolo (mi turo il naso nel scriverlo), l’unico supporto a quanto affermato arriva dalla rivelazione (letteralmente qualificata come tale) del Generale Fabio Mini«Non ho prove che ci sia stato un esperimento nucleare o convenzionale capace di provocare un determinato terremoto, ma sono abbastanza pessimista per non pensarlo. In 45 anni di carriera militare in giro per il mondo, ne ho viste di tutti i colori».

Questa è una rivelazione? Non si chiamava opinione una volta? Ma la cosa più sconcertante è che la frase rivelatrice comincia con le parole «Non ho prove»! In cosa consisterebbe dunque questa rivelazione?? Proviamo a metterla in un altro modo: Gianni Lannes viene accusato di omicidio volontario ai danni di due bambine. Il giudice lo condanna motivando la sentenza così: “Non ci sono prove che l’imputato Gianni Lannes abbia ucciso le due bambine, ma la Corte è abbastanza pessimista per non pensarlo. Nella sua lunga vita, questa Corte ne ha viste di tutti i colori“.

Gianni Lannes, voi se ci fosse il vostro nome in quella sentenza, accettereste questo ragionamento? Dareste valore di verità a un’opinione che dichiaratamente non porta prove a supporto?

La chiamano informazione alternativa per darsi l’aura di essere l’unica vera informazione libera, ma la realtà è che questa è l’alternativa all’informazione, la quale ha un nome: disinformazione.