Conoscere per ridurre (il rischio sismico)

cracks-1287495_640

C’è una cosa carina che riguarda la prevenzione sismica a Ferrara questa domenica (16 ottobre), organizzata dal Master in giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza* con l’Ingv e il Comune. Ve ne parlo per pubblicizzarla e perché è parte di un percorso che ritengo dovrebbe trovare maggiore spazio a livello istituzionale e culturale, divenire modello.

Ferrara e la sua provincia sono state profondamente ferite dai due grandi eventi sismici del 2012. In quell’estate ci si è risvegliati – in senso letterale – con la consapevolezza che anche quel territorio di pianura è a rischio sismico.

Al di là delle incredibili polemiche su un sisma del tutto naturale causato da un sito di stoccaggio gas inesistente – Cavone, do you remember? – e da quella cosa politico-farsesca che fu l’ideazione della Commissione ICHESE (che, con quelle sue strane conclusioni, ha alimentato, anziché spegnerla, la scintilla del retropensiero) la reazione è stata quella dell’Emilia operaia, del rimboccarsi le maniche, della ricostruzione.

Proprio narrativa della ricostruzione – ne ho scritto già qualche tempo fa – è diventata quasi l’unica chiave di lettura della fase post-sisma. Perché è importante, perché significa, si spera almeno, maggiore sicurezza strutturale degli edifici e, soprattutto, rinascita.

Il problema – o, almeno, questa è la mia impressione – è che il grande peso dato alla ricostruzione e alla prevenzione sismica, intesa come miglioramento strutturale degli edifici pubblici, ha quasi del tutto assorbito tutto il discorso più grande sulla prevenzione sismica tout court.

È rimasto molto indietro una fase che considero invece fondamentale: quella dell'”educazione” alla prevenzione e al rischio. Ed è questo di cui si occupa l’iniziativa che voglio segnalare.

Si chiama PlayDecide, è un gioco che coinvolge i cittadini che interpretano un ruolo (il sindaco, l’esperto, il semplice cittadino) e si cerca insieme di prendere le decisioni migliori per mitigare il rischio sismico. È un modo, divertente, non solo per conoscere ma anche per prendere coscienza del rischio ed essere in grado di attivarsi socialmente nella vita reale e spingere se stessi, gli altri e gli amministratori pubblici verso buone pratiche di prevenzione. Questo video lo spiega meglio:

È solo un primo step. C’è infatti un progetto di più ampio respiro sotto in parte nuovo, in parte già iniziato qualche anno fa con l’elaborazione partecipata di 10 cose da fare per rendere più sicure le nostre case.

Con questa iniziativa prende infatti il via a Ferrara KnowRISK, un progetto finanziato dalla Commissione Europea, a cui partecipa anche l’INGV. Il progetto è stato attivato a Ferrara dal Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza in collaborazione con il Comune, e ha l’obiettivo individuare strategie efficaci e sostenibili per la riduzione del rischio, ponendo l’accento sulle misure per diminuire la vulnerabilità non-strutturale delle abitazioni.

Questo sul principio che non sono solo le scosse a provocare morti e feriti (mi verrebbe da dire che scosse come quelle del 2012 non dovrebbero proprio avere alcun effetto disastroso), ma anche ciò che ci può cadere addosso nelle nostre case, come librerie, armadi, o semplici oggetti. Solo che non ci badiamo, pur essendone coscienti non ne siamo del tutto consapevoli, forse siamo (oggi) colpevolmente disinteressati.

Ecco perché è importante formare questa consapevolezza, costruendola in modo partecipato con strumenti e strategie che non siano un semplice libricino di consigli, ma che permettano il confronto, l’emersione dei dubbi e la risoluzione facendo sentire i partecipanti coinvolti in questo piccolo processo decisionale.

Non è La Soluzione, ma un piccolo step tra i tanti che vanno fatti per elaborare collettivamente e singolarmente una nuova cultura del rischio e della sua riduzione, della responsabilizzazione di cui oggi abbiamo bisogno per non ricadere sempre negli stessi errori e riascoltare a ogni tragedia sempre le stesse frasi, ormai diventante standard.

Insomma, è una di quelle iniziative che dovrebbero girare gran parte dell’Italia in una strategia – oggi quasi del tutto inesistente – tesa a formare una nuova consapevolezza sui terremoti.

*Sono un collaboratore del Master in questione

(la foto è di Brett Hondow, public domain, Pixabay)

Annunci

Noi e il terremoto. Sempre le stesse cose

cracks-1287495_640L’ennesimo terremoto distruttivo in Italia, l’ennesima sequenza sismica in un’area in cui la probabilità che si verifichi è altissima, i morti, i feriti, le accuse immancabili, la disperazione e sempre le stesse parole come corollario: manca la prevenzione, in Italia non si costruisce bene, ci si muove solo a danno fatto, il Giappone…

È tutto vero.

Ed è frustrante che ogni pochi anni ci ritroviamo tutti a dire le stesse cose, pur piangendo luoghi e persone diversi. È frustrante dover sempre leggere, ascoltare e ripetere sempre le stesse verità, che sembrano essere immutabili, parte del nostro DNA.

Ed è proprio qui, forse, il problema principale, il nostro DNA culturale: se l’ex presidente dell’Ingv Enzo Boschi ammonisce dopo l’ennesima tragedia che in Italia si costruisce bene solo dopo i sismi gravi – e ha ragione da vendere – quello che dobbiamo metterci in testa noi, tutti noi, è che prima di costruire bene dobbiamo fare un passo preliminare. Diventare veramente coscienti del fatto che viviamo sopra la terra e che quando ha voglia di ballare – e può farlo in maniera davvero sgraziata – non siamo invitati ma costretti a danzare con lei. Per questo dobbiamo imparare come si fa a non farci pestare i piedi e cadere con il culo per terra, ascoltando e mettendo in pratica gli insegnamenti di chi sa cosa fare e come farlo.

Significa imparare a convivere con il rischio, a non rimandarlo, a non guardare troppo al di là delle proprie responsabilità personali. Perché quando la terra trema, danziamo tutti e tutti siamo responsabili delle sue conseguenze. Significa considerarci – noi, uno per uno – responsabili di quel che potrà accadere e agire di conseguenza (adeguare le nostre case senza aspettare, proporre un nuovo mercato in questo senso, educare i nostri figli e insegnare loro regole di comportamento che dobbiamo imparare a padroneggiare noi per primi) . E così responsabilizzare anche la politica e le istituzioni, chiedendo o pretendendo che la prevenzione – l’educazione al rischio prima ancora della sua riduzione reale – faccia parte dell’agenda politica di chiunque decidiamo di mandare nella stanza dei bottoni.

Solo allora cambieranno le parole che oggi conosciamo a memoria, solo allora il valzer delle responsabilità sarà davvero un ballo per pochi. Solo allora avremo meno lacrime a solcare la polvere sui nostri visi e più sospiri di sollievo quando tutto sarà passato.

La narrativa della ricostruzione a tre anni dal sisma emiliano

La chiesa di San Paolo a Mirabello (Fe). Foto di Mario Fornasari/CC BY 2.0/Wikipedia
La chiesa di San Paolo a Mirabello (Fe). Foto di Mario Fornasari/CC BY 2.0/Wikipedia

Sono passati tre anni dal 20 maggio 2012, quando una parte dell’Emilia Romagna – soprattutto nel modenese e nel ferrarese – ha avuto un brusco risveglio poco dopo le 4 del mattino grazie a un sisma di magnitudo momento 5.9.

Siamo ancora nel mezzo dell’anniversario, altre forti scosse si verificarono il 29 maggio e poi il 3 giugno. Siamo in mezzo, dunque, anche alle celebrazioni di quell’anniversario.

E non parlo a caso di ‘celebrazioni’. In questi tre anni quando si parla di sisma a livello istituzionale – parlo del caso di Ferrara, che credo di conoscere meglio – si usa quasi esclusivamente una narrativa basata su due pilastri: il ricordo delle vittime e quello della ricostruzione.

Ed è proprio sulla narrativa della ricostruzione che vorrei spendere i miei due cent di riflessione.

Perché se da un lato è normale che sia dia risalto alla risposta delle comunità immediatamente dopo le emergenze (ecco, magari evitando la storiella di essersi rimessi in piedi da soli senza piangere e aspettare interventi da Bologna e Roma come hanno fatto altri, che non è vero e basta leggere le cronache politiche di tre anni fa e di oggi) e di quanto si è fatto e si sta facendo per ripristinare gli edifici e renderli più sicuri, manca, in tutta questa storia, l’attenzione – politica, economica e sociale – sul fattore forse principale: la prevenzione.

Non parlo di prevenzione intesa come messa in sicurezza degli edifici: fondamentale per quanto colpevolmente tardiva, ma di quella che va fatta a livello culturale.

Oggi è forse passato il messaggio che gli eventi sismici del 2012 non erano un’evento inaspettato, quasi impossibile, ma la sensazione è che non ci sia sufficiente attenzione sul fatto che quegli eventi potrebbero ri-verificarsi, magari questa volta letteralmente sotto i piedi dei ferraresi, anche domani. L’idea che il sisma 2012 non sia un’eccezione viene cioè vanificata con una sorta di inconscio collettivo espresso molto bene dalle parole di una tabaccaia che un’anno fa mi disse: “Ormai abbiamo già dato, il prossimo speriamo sia tra altri 500 anni”.

Un inconscio alimentato proprio dalla narrativa pompata della ricostruzione che da una parte rimette le cose a posto e dall’altra le rende più sicure, contribuendo a spostare in maniera malsana l’assunzione di rischi e responsabilità (e di oneri e, in questo caso, di onori) dalle singole persone (e la collettività che costituiscono) alle amministrazioni pubbliche e ai loro rappresentanti politici.

Ovviamente le mie sono solo impressioni – e in quanto tali hanno un valore molto limitato – frutto di qualche esperienza aneddotica, ma anche della constatazione di una certa scarsità di percorsi di formazione sul rischio (ci sono, ma non si vedono granché) diretti alla cittadinanza.

Per la verità lo Urban Center del Comune di Ferrara aveva dato vita a un progetto partecipato, “Battiamo il sisma”, per coinvolgere amministratori, tecnici, esperti e cittadini nell’identificare una serie di buone pratiche per la gestione ordinaria del rischio sismico, incentrata molto – e comprensibilmente – sull’edilizia. Un’iniziativa meritevole (ce ne sono anche altre sul campo), utile, ma che ha rivelato anche un certo disinteresse della cittadinanza prima (che ha partecipato meno di quanto ci si potesse aspettare) e della politica poi, che a quelle buone pratiche ha dato una visibilità scarsissima tanto che, a tre anni dal sisma, il punto della situazione comprende ormai solo lo stato di avanzamento dei lavori edili.

Ma quel punto della situazione – oltre a raccontare quanto siamo stati bravi nella ricostruzione – non può non comprendere una riflessione, seria e strutturata, anche sullo stato di avanzamento di una formazione alla cultura del rischio (sismico). Che vuol dire certamente preparasi lo zainetto da portare via in caso di terremoti (quanti lo hanno a portata di mano?) che rendono pericoloso rimanere in casa, sapere dove andare (a proposito: quanti ferraresi sanno dove sono i punti di attesa, quanti hanno ricevuto la mappa (stampata in ‘ben’ 10mila copie) e dove sono le indicazioni con i percorsi per raggiungerli?), ma anche, se non soprattutto, cambiare il più possibile la forma mentis della popolazione in termini di convivenza costante con un certi tipi di rischio in modo da saper leggere le informazioni e il grado elevato di incertezza che conterranno e adottare azioni quotidiane che quel rischio potrebbero abbassarlo.

Ricostruzione significa anche fare un passaggio culturale in tal senso ma, evidentemente, non potendo portare dati e numeri quantificabili immediatamente in euro, si preferisce lasciare da parte questa parte del racconto.

Le previsioni di Luke

Luke Thomas Holmquist, Luke Thomas per tutti, stando al credito che alcuni sulla rete gli danno -magari riportando con dei bei titoloni acchiappalettori le sue ultime uscite e poi discostandosene solo a fine articolo/post- sarebbe un esperto super-duper nella previsione precisa, circostanziata e verificabile dei terremoti: uno che mangia la pastasciutta in testa a Giampaolo Giuliani e al suo radon per intenderci.

Prova ne sia la sua previsione di un terremoto di magnitudo superiore a 5 in Sicilia per lo scorso 16 agosto poi “realizzatasi” in due forti scosse di magnitudo 4.1 e 4.2 nella notte fra il 15 e il 16 agosto.

Sul suo sito –quakeprediction– c’è una lista sempre aggiornata di tali previsioni. Le ultime che riguardano l’Italia sono per il periodo che va dall’11 al 15 novembre con fortissime probabilità che si verifichino nel Nord Italia, in particolare a Pescara e nella zona di Ancona (…eh lo so, diciamo che non siamo proprio in Padania):

Come si può vedere dal grafico, però, qualche decina di capoluoghi di provincia è a fortissimo rischio nella giornata dell’11, con probabilità spesso molto superiori al 90%.

È affidabile?

No.

Stando a quanto riporta Luke Thomas stesso, le sue previsioni si basano sulle seguenti osservazioni:

Thermal temperature changes
ULF or Ultra Low Frequency sounds
Micro earthquakes
Animal behaviour
Human behaviour
Moon phases
Seismic gaps
Satellite earthquake clouds
Water temperature changes

Per sua stessa ammissione nell’intervista rilasciata al giornale locale Pattionline:

Io uso le temperature, il vento, l’umidità e il punto di rugiada di ciascuna delle città per le quali effettuo una previsione di terremoto. Il modello di previsione è basato su molte ore di ricerca

In pratica prevede i terremoti con le previsioni del tempo. Metodo che secondo lo stesso ‘ricercatore’ non dava buoni risultati fino al luglio 2013, ma poi il monte ore dedicato alla ricerca ha raggiunto un punto tale che, magicamente, sarebbe arrivata anche l’accuratezza:

Prima del primo luglio 2013 non potevano essere previsti. Adesso, dopo oltre 15.000 ore di ricerca, ho finalmente scoperto la chiave per la previsione dei terremoti.

Sarà.

Se vi state ancora chiedendo se e come abbia azzeccato le scosse in Sicilia bé, non le azzeccate. La previsione originale riguardava il territorio compreso fra Napoli, Catania, Catanzaro , Messina e anche Pescara (oltre Ancona e Firenze)…

…che, come dire, non è proprio una zona ristretta. Gli eventi sismici di una certa entità -e di molto inferiori rispetto a quanto previsto (ricordiamo che tra magnitudo 4 e 5 c’è un abisso) si sono realizzati poi solo nell’area di Messina.

Possiamo dire che ha azzeccato Messina per puro caso. Se non ci credete, c’è chi da tempo fa, con molto rispetto, le pulci al nostro ricercatore mmerigano, prendendo in considerazione le previsioni fatte dal maggio 2012 ad oggi e quello che poi è successo nella realtà: è il sito web quackpredict.com

Nella pagine dedicata alle previsioni di Luke Thomas Holmiquist potrete notare come il loro grado di accuratezza e affidabilità sia davvero misero: ne ha azzeccate l’1,32%, 3 su 227.

Schermata presa da QackPrediction sulle previsioni di Luke Thomas Holmquist
Schermata presa da QackPrediction sulle previsioni di Luke Thomas Holmquist

I terremoti, ad oggi, non sono prevedibili con un alto tasso di accuratezza e precisione, diffidiamo da chi dice di poterlo fare senza dimostrarlo.

Una ristretta cerchia di specialisti

Una della conseguenze maggiori del progresso scientifico è che le conoscenze acquisite dagli scienziati si discostano sempre più sia dall’esperienza comune e si fanno sempre più specialistiche. La filosofia offre un buon esempio: agli albori del pensiero scientifico, i filosofi erano anche scienziati esperti un po’ di tutto, mentre oggi è difficilissimo trovare scienziati-filosofi che sappiano discorrere in egual misure delle nuove conseguenze della fisica delle particelle, di biologia e scienze cognitive.

Gli scienziati diventano sempre più degli specialisti. Questa situazione, che ha tante implicazioni anche in termini di pensiero scientifico e capacità di vedere il mondo nel suo complesso, si riflette anche in un piano più vicino alla nostra vita quotidiana, quello del rapporto fra lo Stato e la scienza. Ad esempio, per valutare le dosi minime che rendono una sostanza pericolosa e dunque vietata lo Stato si affida alle conoscenze scientifiche per poi emanare delle leggi conseguenti. Ogni volta che compriamo un farmaco, autorizzato alla vendita, lo Stato ha aperto le porte del suo potere a una conoscenza ‘esterna’ e specialistica per la valutazione sulla sicurezza. Ma anche quando viene predisposta una normativa sulla sicurezza edilizia, lo Stato si avvale di conoscenze esterne e specifiche. Un altro campo in cui ciò avviene, e mi accingo finalmente a toccare l’argomento principe di questo post, è nel caso della ormai famigerata Commissione Grandi Rischi. Lo Stato ha predisposto, più o meno dalla metà degli anni ’80, un organo tecnico-scientifico (anche profondamente mutato nel tempo), che valuti, avvalendosi di conoscenze molto specifiche e interdisciplinari, il rischio sottostante il probabile o possibile verificarsi di alcuni avvenimenti di tipo potenzialmente catastrofico.

Quest’organo, che dal 2001 è diventato la Commissione che oggi conosciamo, come sappiamo, è stato condannato lo scorso anno dal Tribunale de L’Aquila per omicidio colposo lo scorso 22 ottobre. Immediatamente buona parte della comunità scientifica di casa nostra, ma anche internazionale, prese le difese dei membri della commissione, accusando più o meno velatamente, il giudice Marco Billi, di aver condannato la scienza in un processo alla scienza. Il ministro Clini aveva addirittura paragonato uno dei componenti, Enzo Boshi, a Galileo. Insomma l’aria, all’interno della cerchia scientifica, era quella di doversi mettere a tutti i costi sulla difensiva accusando l’Italia arretrata che processa gli scienziati. Personalmente ho tenuto a fare i miei distinguo da questa posizione che ho trovato subito molto scorretta e piuttosto annebbiata (ne ho parlato qui) e, come me, qualche eccezione si è vista, ma non ha avuto troppo seguito.

Qualche giorno fa sono uscite le tanto attese motivazioni alla sentenza, quelle che tutti -soprattutto fra i ‘difensori della scienza’- si erano ripromessi di leggere e commentare appena uscite. Ho paura che finiranno nel dimenticatoio (sempre dal lato scientifico) così come colpevolmente è rimasto l’intero processo prima della sentenza. Spero di essere smentito, ma nel frattempo dico la mia.

La mia posizione, subito dopo la notizia della condanna era che il giudice aveva punito i membri della Commissione per aver comunicato male il rischio nonostante le informazioni date dal lato scientifico fossero state corrette. In linea generale confermo quanto già detto. Nella motivazione, di quasi mille pagine, si può leggere con estrema chiarezza che l’accusa non riguardava la mancata previsione del sisma del 6 aprile, in particolare mi pare chiarificatore questo passaggio:

il giudizio di prevedibilità/evitabilità, su cui si basa la responsabilità per colpa nel capo di imputazione, non andava calibrato sul terremoto quale evento naturale, bensì sul rischio quale giudizio di valore, al fine di tutelare l’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, catastrofi o altri grandi eventi che determinano situazioni di grave rischio“.

Il giudice in questo passaggio (pag 211) incentra la responsabilità in modo specifico sul dettato di legge: l’art. 5 della legge 401/2001 dove è scritto che il compito della Commissione Grandi Rischi è quello di “svolge[re] attività consultiva tecnico-scientifica e propositiva in materia di previsione e prevenzione delle varie situazioni di rischio“.

Quello che si contesta è che, in tale compito, i condannati hanno proceduto ad un’ analisi errata e inidonea degli indicatori di rischio e a una carente informazione“.

Tale rischio è stato sottovalutato e, soprattutto, si è lasciata trapassare una informazione rassicurante. La sottovalutazione del rischio (previsione e prevenzione) viene dalle affermazioni circa l’improbabilità di un evento sismico forte rafforzate da testimonianze dei presenti (in particolare quelle di Del Pinto (pag. 113) e dell’assessore regionale Stati (pag 656) alla quale era stata data specifica indicazione di “non creare allarmismi e […] di poter tranquillizzare“. Inoltre, senza smentita o alcuna presa di posizione contraria, Emma D’Aquino nel tg1 delle 20 del 31 marzo 2009 diceva: “Una situazione normale, dicono gli esperti, per una zona a rischio come L’Aquila, nessuna preoccupazione avverte la Protezione Civile“.

Il rischio non solo sembra essere stato sottovalutato, bensì sembra essere stato proprio ignorato, tanto che la famosa intervista di De Bernardinis in cui si parlava di un rilascio di energia continuo come situazione favorevole, non viene in alcun modo rettificata, nonostante fosse antecedente alla famosa riunione del 31 marzo (pag. 284), quella che poi si scoprirà essere un’operazione mediatica indetta da Bertolaso.

Da qui il giudizio del giudice: “l’attività di previsione, prevenzione ed analisi del rischio è stata svolta in maniera superficiale, approssimativo generico, con affermazioni apodittiche ed autoreferenziali, del tutto inefficaci rispetto ai doveri normativamente imposti“. In poche parole la Commissione ha svolto in quella riunione fondamentale una “carente analisi del rischio“. Lo ripeto di nuovo, il giudice non chiedeva ai membri della commissione, né lo fa la legge, di prevedere un qualsiasi evento sismico, bensì chiedeva di prevedere il rischio e infatti: levitabilità del danno non è da intendersi in relazione al mancato allarme ma all’inidonea valutazione del rischio e alla inidonea informazione. Testualmente: “In questa sede […] viene dato per scontato il fatto che non è possibile prevedere con certezza una scossa futura“, ovvero non si richiedeva alcun tipo di previsione deterministica. Poi c’è il contrasto fra alcune affermazioni di Boschi sulla ripetitività millenaria dei terremoti nella zona contrasta con almeno un documento distribuito da Selvaggi al Dipartimento della protezione civile intitolato “Rapporto d’evento del 31-3-2009”: qui si legge che i terremoti storici in L’Aquila sono stati accompagnati da intensa attività sismica [anni 1461 e 1704]: “quasi la totalità dei terremoti aquilani è consistita in periodi sismici connotati da scosse premonitrici, una scossa principale e numerose repliche”. Inoltre, rileva il giudice, proprio i segni premonitori sono strumenti da utilizzare nella valutazione e previsione del rischio (non nella previsione dell’evento). In questo caso non è stato -colpevolmente- così. Insomma un po’ di idee confuse…

Ma la colpa (di cui dopo parlerò) non finisce qui, perché i membri della Commissione, accettando di partecipare a una riunione aperta a tutti nel rispetto dell’operazione mediatica voluta da Bertolaso, hanno assunto su di sé anche un dovere ulteriore: quello della corretta informazione sul rischio. Da organo consultivo e propositivo, in quel momento avevano un ben preciso dovere informativo in quanto facenti parte di un organismo statale soggiacente agli obblighi di informazione che ha la Pubblica Amministrazione. In questo caso, l’informazione sul rischio è mancata o è stata eterodiretta (ma in modo consapevole) a fini rassicurativi. Ovvero c’è una colpa nell’adesione all’operazione mediatica, concretizzatasi nell‘eliminazione dei filtri normativamente imposti tra la Commissione e la popolazione: “tale comunicazione diretta, favorita dall’autorevolezza della fonte, ha amplificato l’efficacia rassicurante del messaggio trasmesso“.

La colpa. Pietro Greco, anche in una recente intervista rilasciata per Linkiesta a Daniela Patrucco pur inquadrando bene (a mio avviso) la sentenza, mostra perplessità riguardo la pena uguale per tutti i membri della Commissione, stante il principio della personalità della responsabilità penale. Tradotto se ognuno è responsabile solo di quello che fa o dice come è possibile che tante persone siano ugualmente responsabili in questo caso? Nella motivazione il giudice dà una risposta secondo me abbastanza chiara e condivisibile fondata sull’articolo 113 del Codice penale sulla cooperazione nel delitto colposo: “Nel delitto colposo, quando l’evento è stato cagionato dalla cooperazione di più persone, ciascuna di queste soggiace alle pene stabilite per il delitto stesso.”

Qui sorge qualche problema interpretativo. L’art. 113 secondo alcuni riguarda i delitti colposi di evento a forma vincolata (ovvero con determinate modalità) o i delitti colposi di mera condotta. Per i delitti colposi a forma libera, che possono essere compiuti in ogni modo e per i quali il legislatore non ha voluto limitare la sua tutela a determinate modalità, si applicherebbero le norme specifiche del caso e chiunque contribuisca all’evento è soggetto alla pena prevista dalla legge. Un esempio di delitto colposo di evento a forma libera è proprio l’omicidio colposo (art 589 del codice penale: “Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito […]”, ovvero ciò di cui sono stati accusati i membri della Commissione. La Corte di Cassazione (sent. 1786/2009) ha però abbracciato una via interpretativa leggermente diversa e sostiene che l’art. 113 svolge una “funzione estensiva dell’incriminazione rispetto all’ambito segnato dal concorso di cause colpose indipendenti, coinvolgendo anche condotte atipiche, agevolatrici, incomplete, di semplice partecipazione, che per assumere concludente significato hanno bisogno di coniugarsi con altre condotte“. Non cambia granché, anche perché nella prima interpretazione l’art. 113 serve ad attribuire rilevanza penale ai comportamenti atipici che contribuiscono a far verificare una fattispecie delittuale a forma tipica (se posso violare la norma X solo compiendo l’azione Y, l’art. 113 estende la rilevanza penale anche nei confronti di un altro soggetto che pur compiendo un’azione diversa da Y ha cooperato alla sua realizzazione), considerando però qualsiasi cooperazione rilevante nei delitti a forma libera.

Al di la di queste noie giuridiche, la cooperazione c’è quando gli agenti sono consapevoli di agire insieme anche se non sono consapevoli che uno di essi agisce con colpa. Quest’ultima affermazione va chiarita -perché nasconde il pericolo di estendere troppo la condotta incriminante- e il giudice lo fa, richiamando ancora la Cassazione che ha stabilito precisi limiti: “la consapevolezza del carattere colposo della condotta dell’altro cooperante non è necessaria solo quando “il coinvolgimento integrato di più soggetti sia imposto dalla legge, da esigenze organizzative connesse alla gestione del rischio, o almeno sia contingenza oggettivamente definita senza incertezze e pienamente condivisa sul piano della consapevolezza”.”  [qui se ne parla in modo più esaustivo]

Ricadiamo così proprio nel caso di specie che riguarda i membri della Commissione: il loro coinvolgimento integrato è previsto per legge: hanno agito in un “intreccio cooperativo” e sono tutti soggetti allo stesso grado di colpa avendo tutti il “dovere di agire tenendo conto delle condotte e del ruolo altrui”. “Ciascuno degli imputati, proprio in ragione della qualità contestata e della consapevole partecipazione alla riunione, rispondono a titolo personale di tutti i profili di colpa che qualifica la condotta cooperativa“. Una colpa grave perché è “ampia e netta la divaricazione fra condotta in concreto e condotta precauzionale applicabile“.

Una colpa che ha contribuito alla morte di alcune persone in un concorso di cause tra condotta degli imputati e fattori indipendenti dalla loro volontà, come la forte scossa e la vulnerabilità degli edifici. Ma questi fattori indipendenti erano dentro la sfera di prevedibilità che gli imputati avevano quando dovevano valutare il rischio. Ecco perché serve a poco -pur essendo una domanda più che legittima e meritevole di azioni giudiziarie pesanti- chiedersi in questo caso perché non vengano puniti gli amministratori o i costruttori negligenti. Considerarli come dei “capri espiatori” non è altro che l’ennesimo gioco ad individuare le colpe altrove. È fuor di dubbio che le colpe stiano anche altrove, ma questo non significa che gli scienziati-imputati-condannati siano da considerare senza responsabilità. Il giudice non ha colpa se davanti a lui vengono presentate accuse contro alcuni soggetto e non contro tutti quelli che potrebbero essere considerati responsabili. Giudica in base a quello che ha davanti.

Infine, il punto secondo me più importante per giudicare questa sentenza: i membri della Commissione non sono stati giudicati in quanto scienziati che hanno espresso una loro opinione o una loro tesi scientifica, sono stati giudicati perché scienziati inseriti in un apparato statale con precisi obblighi normativi che sono stati ritenuti violati (magari in appello si ribalta tutto, ma non è questo il punto adesso). Facevano parte di un organo di previsione e valutazione del rischio in quanto esperti con conoscenze superiori, rappresentando il meglio professionalmente auspicabile. Una volta entrati nella Commissione, soprattutto nelle circostanze particolari del caso, il loro essere scienziati non limitava più le loro affermazioni al campo del dibattito scientifico, e questo il giudice lo dice esplicitamente: “non si tratta di ‘processo alla scienza’ ma di processo a sette funzionari pubblici, dotati di particolari competenze e conoscenze scientifiche, chiamati per tali ragioni a
comporre una commissione statale. […] Il giudizio di penale responsabilità non deve essere condotto, dunque, assumendo come parametro metodologico le affermazioni scientifiche degli
imputati e ricercando argomentazioni scientifiche di segno contrario o seguendo una intime conviction, […]. Al contrario il giudizio di penale responsabilità assume un parametro metodologico di tipo esclusivamente normativo“.
Queste ultime parole racchiudono tutto il senso della decisione.

Quegli scienziati quando sono diventati funzionari dello Stato hanno assunto su di sé una grande responsabilità giuridica perché la loro scelta è dovuta alle loro particolarissime qualità di esperti, valutabile e quantificabile utilizzando uno standard molto alto, diverso da quello utilizzabile per l’uomo medio  e perfino per il professionista, ma adatto alle loro conoscenze e alle loro funzioni (insieme): ad essi viene perciò  richiesto, come dice la Suprema Corte  “di non limitare l’esame agli elementi che appaiono certi alla loro percezione, ma devono anche ipotizzare l’esistenza di situazioni non direttamente e immediatamente percepibili, ma la cui esistenza non possa essere esclusa nella situazione contingente con una condotta di previsione adeguata alle loro qualità’  ovvero con una condotta di previsione degli sviluppi causali parametrata in
base alle loro (non comuni) capacità, alle loro (non comuni) competenze e alle
loro (non comuni) conoscenze.

Lo standard per valutare la loro responsabilità penale è dunque molto elevato, il più elevato, quello appartenete all‘uomo più esperto o alla ristretta cerchia di specialisti.

terremoto-motivazioni-sentenza-grandi-rischi

Giuliani non lo aveva previsto (ditelo a Repubblica)

http://infosannio.files.wordpress.com/2012/10/giampaolo-giuliani.jpgTerremoto del 6 aprile 2009 a L’Aquila, Giampaolo Giuliani assurge alle cronache  come l’uomo che prevede i terremoti. Spinto dalle comparsate in tv (grazie Santoro che crei fenomeni come questo qui, Santanché e Briatore) e, nella rete, da uno dei blogger più fuffosi di fuffolandia (Claudio Messora, byoblu), nonché dal Divin Peppe Crillo.

Terremoto in Emilia del 20 maggio 2012. Giuliani non aveva previsto un ficco secco (non che prima lo avesse fatto, ma prendiamolo per buono…). Dal sito della sua fondazione non era uscita neppure una pernacchia.  Pochi dei suoi sostenitori si interrogano e magari trovano la scusa che i suoi rilevatori di radon e raggi gamma non sono posizionato in quella regione. E tu sei tentato dal fare altrettanto perché d’altronde va bene considerarlo un propinatore di fuffosità ma senza strumenti effettivamente sarebbe stato un veggente classico non uno hi-thech. Poi ti fai un giro sul suo sito, scorri le news, arrivi a maggio. Il 12 maggio esce questo comunicato:

Radon 2500-2800 sopra la soglia.
Anomalia in fase di prima evoluzione osservata da tre stazioni su tre.

Possibile incremento attività strumentale bacino aquilano ed oltre 35 km dallo stesso.
In caso di persistenza dell’anomalia forniremo nuovi aggiornamenti.

OK, riguarda L’Aquila, la sua zona di competenza e la possibile attività è identificata in tutto il bacino aquilano e in un perimetro di altri 35km. Mah, vabbè. Il 14 maggio c’è una comunicazione di guasto di qualche impianto, ma tutto regolare.

Il prossimo comunicato è del 22 maggio. Nel frattempo ci sono state le scosse nel ferrarese. La fondazione giuliani tace, i rilevatori non hanno rilevato nulla. Il comunicato riporta solo un altro guasto ma nessuna “anomalia”.

Poi arriva il 24 maggio e mica può passare tutto così liscio. Adesso i valori fuori dal campo controllato dai rilevatori “casualmente” indicano possibile attività sismica dove? Scopriamolo insieme:

Le stazioni di rilevamento Radon di Coppito e Fagnano (AQ) mostrano ancora forti anomalie relative ad eventi fuori e lontano dalle rete di monitoraggio. In questi casi non è possibile identificare la zona epicentrale e il grado sismico degli eventi. In considerazione alla sequenza sismica in atto in Emilia Romagna è lecito pensare che tali anomalie possano riguardare ancora questa zona.

L’evento sismico delle ore 23.41 di M 4.3 con epicentro Finale Emilia impone di prestare ancora la massima attenzione da parte della popolazione locale.

Approfittiamo dell’occasione per ricordare a tutti i cittadini di tutto il territorio nazionale l’estrema importanza di mantenere sempre la massima attenzione.

Il terremoto dell’Emilia Romagna è la dimostrazione che forti eventi possono verificarsi anche in zone considerate non ad elevato rischio sismico.

Per quanto riguarda la zona monitorata intorno al bacino aquilano e per un raggio di 80 km continua una discreta attività al momento solo strumentale.

 

Hai capito, becco di un radon! Prima del 20 maggio quei sistemi di previsione che dall’ultimo comunicato sembrano essere in grado di rilevare anomalie anche fuori dalla rete di monitoraggio  non avevano detto nulla, poi puff tutto cambia. Oppure Giuliani ci prova ma…Il 27 maggio ancora un messaggio di avaria e poi si passa al 31 dello stesso mese per segnalazioni analoghe. Nel mezzo un’altro terremoto in Emilia, magari indipendente dal primo e i suoi strumenti ancora zitti, come Giuliani stesso. Il profeta di sventure sismiche si è inceppato?

Sarà, e forse essendoci rimasto male “prevede” un terremoto in Calabria, almeno secondo La Repubblica che lancia un video dopo il terremoto del Pollino in cui Giuliani risponde affermativamente alla domanda: “La Calabria è a rischio?”, dicendo che il terremoto di qualche giorno prima proprio in quelle terre sarebbe potuto essere un segnale precursore di un sisma peggiore. A maggio gli fanno questa domanda e a ottobre lanciano l’intervista quando il sisma grave effettivamente si è verificato. Ma così ci riesco anche io, anche perché la Calabria è una delle zone a più elevata pericolosità sismica dello stivale…soprattutto se quando non ci azzecco nessuno fiata, neppure La Repubblica. Tipo quando, il 29 novembre scorso, la fondazione Giuliani lancia questo comunicato:

Anomalie in corso osservate dalle tre stazioni di monitoraggio. Probabile incremento dell’attività sismogenetica, a partire dalle prossime ore, sia all’interno dell’area monitorata sia fuori e lontano dalla rete.
L’anomalia è ancora in fase evolutiva pertanto se si renderà necessario forniremo ulteriori aggiornamenti.

Mentre il 30 novembre è ancora più preciso e indica anche delle tempistiche:

Persiste una evoluzione anomala osservata dalle tre stazioni Radon in Abruzzo. L’anomalia riguarda comunque un territorio fuori della rete monitorata dove è possibile il rilascio di eventi sensibili nelle prossime 24/56 ore.
Il “rate” osservato nelle ultime ore si attesta su un valore pari a 2800-3000 counts sopra la soglia.
Per quanto riguarda il bacino aquilano, nelle prossime 24 ore, possibili eventi strumentali mentre per un raggio da L’Aquila da 30 a 80 km possibili eventi udibili in zone urbanizzate.

Sono passati più di 3 giorni. Non è successo NULLA, a meno che non si considerino le scosse sull’Appennino Forlivense della notte fra il 29 e il 30 novembre o qualche scossa verificatasi in Calabria o le piccole scosse per tutto il territorio nazionale che ogni giorno si verificano siano il target a cui puntano gli annunci di Giuliani. Insomma, senza esser precisi non è che si vada molto lontani, sempre volendo rimanere nel campo delle cose dimostrabili.

Ora mi chiedo, come si fa a sostenere che i terremoti siano scientificamente prevedibili e poi non prevederli o annunciarli come probabili senza che questi si verifichino o essendo ampiamente vaghi nel farlo?

Dire che degli eventi sismici siano probabili domani o nei prossimi tre giorni in Italia è possibile e si rischia di aver ragione, ma non c’è nulla di scientifico, oggi. Non si riesce ad individuare l’epicentro, la magnitudo, nulla di utile con precisione.  Com’è possibile che un giornale come Repubblica, che con tutti i difetti che ha ( tanti eh) dovrà pure mantenere un certo grado di serietà, si possa permettere di pubblicare una audio intervista in cui un soggetto dalle qualità scientifiche più che dubbie fa una previsione a 5 mesi su una probabile forte scossa di terremoto in Calabria e farla passare come se fosse davvero una notizia (il cui link in home page è stato a lungo presente)? Perché costruire attorno a Giuliani una credibilità fittizia  scegliendo quello che fa comodo e scartando tutto il resto utilizzando lo stesso tipo di meccanismo che fa sopravvivere gli oroscopi o i sensitivi, ovvero quello di dimenticare le previsioni sbagliate e prendere per buone solo quelle giuste o apparentemente tali? Perché farlo nell’ambito di una professione, quella di giornalista, che se vuole distinguersi dal marasma di informazioni che circolano oggi, non deve fare altro che raccontare la verità, la realtà, senza “creare” notizie dal nulla ma anzi distinguendosi proprio dalla cura nella selezione dei fatti che meritano di essere raccontati.

L’importanza di comunicare il rischio

Leggo da troppe parti commenti che non trovo corretti riguardo la sentenza con la quale oggi sono stati condannati alcuni scienziati membri della Commissione Grandi Rischi ai tempi del terremoto de L’Aquila.

Gli argomenti trovano il loro fulcro nel vedere la condanna come un macigno sulla scienza e sugli scienziati, rei alternativamente di a) non aver previsto il terremoto; b)aver agito bene sostenendo l’impossibilità di prevedere un terremoto diventando vittime della mala giustizia. Nessuno prende in considerazione l’ipotesi c) hanno “comunicato il rischio” nel modo giusto?

Se analizziamo il verbale della famosa riunione ci accorgiamo che non si parla di rischio, da nessuna parte, ma solo di probabilità o di confutare gente, come Giampaolo Giuliani, che afferma di prevedere il sisma. Si parla al futuro, di rafforzare le fasi di intervento per le emergenze e le costruzioni, ma sono espressioni generiche, un si dovrà fare imprecisato. Manca invece la parte comunicativa, che poi si è espressa con la frase di De Bernardinis: “Gli scienziati continuano a dirmi che non c’è un pericolo, anzi la situazione è favorevole perché c’è un rilascio continuo di energia”. Errore non solo scientifico (perché l’aggettivo favorevole non ha senso), magari frutto di colloqui privati, ma soprattutto comunicativo: suona come una rassicurazione laddove non può esserci e quando si parla di rischi in generale, bisogna andare cauti con le rassicurazioni.

Quel che non si vede è il vero motivo del processo: la comunicazione del rischio.

Quegli scienziati non erano accusati di non aver previsto il terremoto ma, principalmente, di aver comunicato male, fornendo un’informazione non corretta e causando comportamenti conseguenti da parte della cittadinanza. E’ questo ciò di cui si è discusso ed è qui che il dibattito deve rimanere. Possiamo porci tutti gli interrogativi che vogliamo, chiederci se la sentenza non sia un po’ troppo dura e sproporzionata (cosa che io penso), chiederci se quegli scienziati fossero in buona fede, o avessero agito in maniera superficiale oppure se Bertolaso abbia fatto La cazzata coinvolgendo persone qualificate in un’operazione meschina e farlocca. Possiamo speculare di ciò che vogliamo su questa sentenza, purché si rimanga sul piano della comunicazione: come Commissione Grandi Rischi hanno sbagliato? Hanno agito male? Hanno colpe? Si poteva fare diversamente con gli strumenti, i dati e le conoscenze disponibili? Hanno comunicato bene? E’ stato corretto far passare un messaggio tranquillizzante anziché mantenere chiaramente sospeso il giudizio? Non poter prevedere qualcosa significa rimanere in uno stato di impreparazione costante in caso di emergenze? Quali sono i doveri della Commissione? ecc ecc.

E’ di questo che dobbiamo parlare, della Commissione Grandi Rischi, del ruolo degli scienziati in essa e del ruolo fondamentale della comunicazione in questi casi. Stop. Tutto il resto, comprese le ben più gravi responsabilità degli amministratori locali e dei costruttori (vale per tutta l’Italia) sono altre questioni, importanti ma fuori dal discorso.Ho paura che si cerchi invece una sorta di “vittimismo scientifico” che non fa altro che sviare e perdere il fuoco del problema pur di sottolineare che la scienza non ha sbagliato e che gli scienziati sono vittime o capri espiatori.

Questi scienziati hanno esposto le cose in modo scientificamente corretto ma la comunicazione al pubblico è un’altra cosa, che lo vogliate o meno, soprattutto dopo un lungo periodo di tensione dovuto proprio alle precedenti scosse. Questa vicenda dovrebbe essere lo spunto per parlare di comunicazione del rischio, materia complessa, complessissima, che meriterebbe approfondimenti e dibattiti seri. Da li partire per giudicare la sentenza, per individuare negli scienziati -se c’è (cosa che io non do per scontata)- una parte delle responsabilità della tragedia, per discutere del futuro della comunicazione in situazioni che rivederemo più in là negli anni, quando saremo ancora impreparati e pronti a cercare interpretazioni comode e semplici. Mentre ancora nessuno avrà la minima idea di cosa dirci e come dircelo.

Tutto qui, mi piacerebbe che la discussione su questa condanna si svolgessi sui binari in cui dovrebbe stare e non in altri, perché il problema è principalmente un problema di comunicazione del rischio non di una magistratura ascientifica, folle ecc ecc. Non questa volta almeno.

PS:

1. E per piacere non iniziamo a dire che se avessero ritenuto di prendere misure preventive sarebbero stati accusati di procurato allarme dopo aver visto pochi giorni fa un allarme maltempo andato in fumo nelle grandi città senza che nessun sindaco venisse trascinato in tribunale. Il problema è ben più complesso.

1bis. Ho letto commenti, soprattutto su facebook, che indirizzano il problema sul fatto che l’italiano medio non capisca la probabilità o il linguaggio della scienza, bé a) non è tenuto a farlo; b) se l’uomo comune non capisce la scienza, spesso il problema è della scienza che non sa comunicare, meno arroganza non guasterebbe.

1ter. Ovviamente una comunicazione migliore non prevede per forza l’evacuazione della città, né uno stato di allarme rosso, ma semplicemente dichiarazioni prudenti, l’invito a non abbassare la guardia o altre indicazioni.

2. Potete trovare buoni spunti ai seguenti link:

http://blogs.scientificamerican.com/guest-blog/2012/10/22/the-laquila-verdict-a-judgment-not-against-science-but-against-a-failure-of-science-communication/

http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/tanti-errori-sul-terremoto-dellaquila

http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=12366

http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/condannati-cattiva-comunicazione-della-scienza-0

http://www.cattivamaestra.it/2012/10/sentenza-processo-aquila-grandi-rischi.html

http://blogs.nature.com/news/2012/09/porsecution-asks-for-four-year-sentence-in-italian-seismology-trial.html